CRONACHE DI ORDINARIA OMOFOBIA: APPROFONDIMENTI

Cos'è «l’Omotransfobia», questa parola sconosciuta? È semplicemente l'avversione ossessiva (da fobia, dal greco "paura") che alcuni hanno verso gli omosessuali e le persone transessuali, che spesso porta a comportamenti intolleranti e violenti verso di loro e i loro familiari. Quando si discute di «omotransfobia» sentiamo spesso parlare anche di «discriminazioni», di «violenze» da contrastare, di «minoranze», di «diritti», di «tutele», di «orientamento sessuale», eccetera. In questa sezione vogliamo approfondire le tante declinazioni che questa parola assume nella nostra società, nelle comunità cristiane e nella vita concreta di tante persone LGBT e i loro genitori.

Immagine in evidenza dell'articolo
Cari senatori i dati sull’omotransfobia in Italia li avete letti, ma poi li avete capiti?

Riflessioni di Massimo Battaglio per il progetto Cronache di ordinaria omofobia.org Il 14 luglio 2021ci hanno citati in Senato. Lo ha fatto il senatore Claudio Barbaro (Fratelli d’Italia), parlando di omofobia.org come fonte attendibile nell’analisi dei dati sull’omofobia in Italia. Lo ringraziamo e lo ricorderemo nelle nostre orazioni. Il problema è che, secondo lui, i nostri dati dimostrerebbero che il...

Immagine in evidenza dell'articolo
Calcio e transfobia: un’inversa proporzione perfetta

Riflessioni di Massimo Battaglio per “Cronache di ordinaria omofobia.org” Nell’estate 2018, quando per la prima volta registrammo un aumento verticale delle denunce di violenze omofobe, un amico mi suggerì di pensare al calcio. Era la prima volta dopo diversi anni, che l’estate si svolgeva senza tornei internazionali di pallone. L’Italia era rimasta fuori dai mondiali. Secondo il mio amico, i...

Immagine in evidenza dell'articolo
Morire a 18 anni a Torino di omofobia

Riflessioni di Massimo Battaglio Domenica scorsa, nella mia Torino, un ragazzo di 18 anni, Orlando Merenda, si è tolto la vita. E’ andato alla stazione Lingotto, ha risalito i binari in direzione Moncalieri e si è fatto investire dal primo treno che passava. Non ha lasciato alcun biglietto, per cui, data anche la giovane età, nessuno ha ipotizzato quali fossero...

Immagine in evidenza dell'articolo
La catena telefonica omofoba del prete di Perugia

Riflessioni di Massimo Battaglio In questi giorni, sta circolando un’orribile catena telefonica diffusa via whatsapp, attribuita a un sacerdote della diocesi di Perugia, quella retta dal cardinal Bassetti. I toni e i contenuti, particolarmente bugiardi e deliranti, suggeriscono di non soprassedere. Riportiamo il tutto: DECRETO ZAN: un decreto Liberticida se approvato. Ecco PERCHÉ: 1. una coppia viene da me, prete,...

Immagine in evidenza dell'articolo
L’ingerenza della Santa Sede sul ddl Zan e la decisione di sbattezzarsi di chi non ne può più

Riflessione di Massimo Battaglio Mentre seguivo l’evolversi della situazione rispetto alle ingerenze della Santa Sede sul ddl Zan, un mio amico comunicava su facebook la sua decisione di sbattezzarsi. Poi se n’è aggiunto un altro, poi due, poi dieci. Alla fine, un numero significativo dei miei amici social ha preso la decisione di separarsi definitivamente dalla Chiesa cattolica. Bel risultato,...

Immagine in evidenza dell'articolo
Secondo il Vaticano, il ddl Zan va rivisto perché viola il concordato! Ma davvero?

Riflessioni di Massimo Battaglio Sicché, secondo il Vaticano, il ddl Zan sarebbe scritto male e violerebbe il Concordato perché limiterebbe la libertà di espressione dei cattolici. Una balla talmente enorme che dovrebbero vergognarsi di pensarla. Invece, impuniti, i ministri della Santa Sede ce lo mandano a dire ufficialmente. Lo fanno attraverso una nota spedita nientemeno che al Governo italiano in...