CRONACHE DI ORDINARIA OMOFOBIA: APPROFONDIMENTI

Cos'è «l’Omotransfobia», questa parola sconosciuta? È semplicemente l'avversione ossessiva (da fobia, dal greco "paura") che alcuni hanno verso gli omosessuali e le persone transessuali, che spesso porta a comportamenti intolleranti e violenti verso di loro e i loro familiari. Quando si discute di «omotransfobia» sentiamo spesso parlare anche di «discriminazioni», di «violenze» da contrastare, di «minoranze», di «diritti», di «tutele», di «orientamento sessuale», eccetera. In questa sezione vogliamo approfondire le tante declinazioni che questa parola assume nella nostra società, nelle comunità cristiane e nella vita concreta di tante persone LGBT e i loro genitori.

Immagine in evidenza dell'articolo
Femministe contro ddl Zan? Un giochino di bassa lega!

Riflessioni di Massimo Battaglio L’ultima trovata tattica dei detrattori del ddl Zan è quella di chiamare in causa anziane femministe che si dicano contrarie. Lo abbiamo visto a “Porta a Porta“, prima ancora sulle pagine dei giornali di sedicente eredità montanelliana, e adesso anche su quelle de L’Avvenire, che dà voce a una ex parlamentare di sinistra, Francesca Izzo, per...

Immagine in evidenza dell'articolo
Contro l’omofobia “più Gesù e meno ddl Zan”. Ma davvero?

Riflessioni di Massimo Battaglio Sta circolando in rete la foto di una ragazza che pensa di essere spiritosa. Vuole prendere in giro la campagna “Diamoci una mano” lanciata da Vanity Fair a favore del ddl Zan (quella per cui tutti ci facciamo un selfie con la scritta “ddl Zan” su una mano). Lei, di mani, ce ne mette due. Su...

Immagine in evidenza dell'articolo
Dalla storia di Malika, una nuova presa di coscienza sull’omofobia

Riflessioni del Massimo Battaglio Nonostante le pantomime di Pillon e le reazioni penosamente convulse de L’Avvenire, la storia di Malika, cacciata da casa dalla madre perché lesbica, ci ha dato coraggio. Non la storia in sè, ci mancherebbe, ma la dignità con cui la protagonista l’ha resa nota al mondo. Dimostrare pubblicamente che la propria mamma è un orco, non...

Immagine in evidenza dell'articolo
Trieste: botte a un attivista LGBT. Le reazioni indecenti nel web

Riflessioni di Massimo Battaglio Il “caso” di ordinaria omofobia della settimana è senz’altro quello che ha visto protagonista Antonio Parisi, attivista lgbt di Trieste, vittima di un orribile pestaggio a Monrupino. Martedì 16 febbraio scorso, il giovane si trovava con amici in un locale. Un gruppo di ragazzi ha cominciato a prenderli in giro per il loro modo di vestire....

Immagine in evidenza dell'articolo
Fonti e metodi con cui ricostruiamo le “cronache di ordinaria omofobia” in Italia

Riflessioni di Massimo Battaglio La “Cronache di Ordinaria Omofobia” cominciano a essere conosciute e utilizzate da un buon numero di informatori, opinionisti, attivisti, ricercatori. Noi che ci lavoriamo da un po’, non possiamo che esserne felici. Personalmente però, mi irrito un po’ quando mi viene chiesto di poter accedere alle fonti. Lo ripeto ancora una volta: le nostre fonti sono...

Immagine in evidenza dell'articolo
Il cardinale Müller tra minacce di scisma e ossessione omofoba

Riflessioni di Massimo Battaglio Da quando c’è Francesco alla guida della Chiesa, è tornata nel lessico di cattolici la parola “scisma”. Uno spettro si aggira per l’Europa: la puzza di scisma. A dire il vero, oggi se ne parla un po’ meno. Soprattutto dopo il successo fragoroso della “Fratelli tutti”, ultimamente, il manipolo degli ultraconservatori che gira intorno al cardinale...